Dollaro stabile contro le monete rivali

In questa prima giornata di contrattazioni caratterizzata da moltissimi report economici americani il biglietto verde è riuscito a rimanere stabile contro tutte le altre monete rivali.

L’indice del dollaro americano che segue l’andamento del biglietto verde contro le altre maggiori valute si è attestato a 95,12.

Il tasso di cambio USD/JPY è rimasto invariato a 115,28 riuscendo a staccarsi dal massimo di 7 mesi a 115,76 dopo che Haruhiko kuroda, Governatore della Banca del Giappone aveva dichiarato che la Banca Centrale continuerà nella sua politica monetaria rallentata, aggiungendo che comunque continuerà a monitorare gli sviluppi economici che scaturiranno dallo stimolo prolungato.
Il tasso di cambio della coppia Forex GBP/USD aumenta dello 0,21% raggiungendo quota scambio 1,3210 mentre la coppia USD/CHF sale dello 0,10% raggiungendo quota scambio 1,0017.

Anche il Dollaro australiano è in aumento con la coppia AUD/USD che sale dello 0,11% raggiungendo quota scambio 0,7527 mentre il cambio NZD/USD cala dello 0,19% raggiungendo quota scambio 0,6723.
La reserve Bank of New Zealand proprio stamattina ha pubblicato un report sulle previsioni relative all’inflazione per i prossimi due anni che vedono un calo al 2,2% nel terzo trimestre dal 2,5% del trimestre precedente.

Allo stesso momento il cambio USD/CAD rimane stabile a 1,2812 e il cambio EUR/GBP rimane a 1,1722.